Green economy - L'Italia è sempre più verde

Nella green economy, l'Italia è leader in Europa

Negli ultimi anni abbiamo sentito parlare sempre più spesso di green economy, una visione di sviluppo completamente opposta a quella della fase di industrializzazione sfrenata alla quale abbiamo assistito nei decenni passati. Con green economy si indica un modello economico che prevede, come punto di riferimento, la riduzione dell’impatto sull’ambiente. Un nuovo modo di concepire l’economia mondiale che non punti solo sul profitto e il guadagno, ma anche sull’aspetto ambientale dei processi di produzione e condivisione di beni. La green economy prevede anche la crescita e il miglioramento della qualità della vita delle persone sia nell’ambito del proprio lavoro che al di fuori di esso, sempre salvaguardando le risorse naturali e l’ambiente, garantendo così non solo la sopravvivenza del nostro pianeta ma dell’essere umano stesso. Naturalmente ci sono Paesi più virtuosi rispetto ad altri nell’ambito della green economy e tra quelli che stanno crescendo di più in questa direzione, c’è anche l’Italia. Una notizia che potrebbe sorprendere anche perché i mass media si soffermano con più enfasi solo su alcune problematiche come, ad esempio, i rifiuti nelle città.

Come spiegare lo sviluppo sostenibile ai bambini

Lo sviluppo sostenibile spiegato ai bambini

Il senso di responsabilità delle persone nel fare in modo che il mondo sia sempre più sostenibile e vivibile, è una delle chiavi per raggiungere e centrare gli obiettivi prefissati dall’Agenda 2030. Rispettare l’ambiente, sostenere il consumo e la produzione sostenibile, praticare con diligenza la raccolta differenziata, sono solo alcuni aspetti della questione ambientale. Un’altra grande responsabilità è quella dell’educazione ambientale dei bambini, in modo che imparino a vivere nel rispetto dell’ambiente, così da agire sempre con naturalezza in un’ottica ecologica. Se l’obiettivo globale è quello dello sviluppo sostenibile, trascurare l’aspetto educativo e un pò come remare controcorrente. L’esempio quotidiano è certamente un elemento importante al fine di trasmettere ai bambini una mentalità green. La loro capacità di assorbire con facilità informazioni anche solo da quello che vedono fare dagli altri, è infatti ben nota. Ma resta comunque di fondamentale importanza, educare nel vero e proprio senso del termine. Ecco perché il percorso educativo alla sviluppo sostenibile, dovrebbe procedere parallelamente all’interno della famiglia e nella scuola.

Una birra alla spina? No, grazie…preferisco un detersivo alla spina

I detersivi alla spina o ricaricabili

Se ci fermiamo a pensare a quanti flaconi di detersivi si comprano ogni anno per la pulizia della casa e non solo, è facile immaginare quante tonnellate di plastica da smaltire o da riciclare si producono. Detersivi per la lavatrice, saponi liquidi per i piatti, flaconi per la pulizia dei vetri, sgrassatori ma anche detergenti liquidi per la pulizia personale come gel doccia, shampoo, balsamo e tantissimi altri ancora. Immaginate se si potesse utilizzare più volte lo stesso contenitore, ricaricandolo del detergente che ci serve. Magari, starete pensando! E invece questo sistema già esiste, ed è molto più facile di quanto si possa pensare trovare punti vendita che lo utilizzano. Si chiamano: detersivi alla spina. Il nome ci rimanda alla birra e infatti il concetto è simile a quello che utilizziamo per le nostre amate bionde da bere. In pratica i detersivi alla spina sono saponi sfusi che si possono trovare non solo nei supermercati, ma anche in appositi punti vendita e la loro peculiarità sta nel riutilizzo del contenitore in plastica.

Fare sport e aiutare l'ambiente? Ecco a voi il plogging

Aiutare l'ambiente facendo sport col plogging

Una delle attività sportive più diffuse e semplici da svolgere è certamente quella di correre. Abbiamo sentito spesso parlare di jogging e running, due metodi per tenersi in forma e alla portata davvero di tutti. Bene, ora esiste un nuovo stile e si chiama plogging. L’idea è nata qualche anno fa ad Erik Ahlström, cittadino svedese con la passione per lo sport ma anche per l’ambiente. E’ noto a tutti come la Svezia sia uno dei Paesi più virtuosi a livello mondiale nell’ambito della ricerca, delle idee e delle innovazioni tecnologiche a favore della sostenibilità e della green economy, ed Eirk non è stato da meno contribuendo con un’idea tanto semplice quanto efficace per sostenere ed aiutare l’ambiente.
Ma vediamo cos’è il plogging e come funziona. Partiamo innanzitutto dal suo significato. Il nome plogging deriva dall’unione tra la parola svedese plocka upp, che vuol dire raccogliere, e la più familiare parola inglese jogging.

La REGATA RICICLATA sbarca su Rai Uno a “I Soliti Ignoti – Il Ritorno”

La Regata Riciclata a I Soliti Ignoti su Rai Uno

Il viaggio della REGATA RICICLATA continua! L’evento più folle e colorato che ha suscitato tanta simpatia catalizzando l’attenzione di grandi e piccini sulle tematiche della sostenibilità ambientale, promuovendone la cultura, ha fatto scalo ieri sera 8 marzo, nel popolare programma televisivo “I Soliti Ignoti – Il Ritorno”, condotto dal poliedrico e frizzante Amadeus!
La REGATA RICICLATA ha raggiunto lo straordinario traguardo delle dieci edizioni. Un vero e proprio percorso nella sostenibilità iniziato nel 2010 con il desiderio e la volontà di incentivare con divertimento, creatività e condivisione, quel processo di cambiamento necessario nello stile di vita di tutti noi, al fine di diventare più responsabili e impegnati nei confronti dell’ambiente che ci circonda.
Il 2020 è stato un anno davvero difficile che ha messo a dura prova il mondo intero a causa della pandemia, le cui conseguenze hanno impedito alla REGATA RICICLATA di salpare verso la sua XI edizione.

Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni